Corona del Rosario Francescano (o delle 7 Beatitudini della Vergine Maria)

corona francescano

Si tratta di una modalità di preghiera del Rosario tipica dei frati Francescani, nata nel XV secolo e tuttora in uso. Il Rosario Francescano, anche conosciuto come il “Rosario delle sette Beatitudini della Vergine Maria”, è una preghiera della tradizione Cattolica. Vedi anche la pagina di approfondimento.

La storia della Corona Francescana

Secondo lo storico francescano Padre Luke Wadding (1588-1657), l’origine del rosario francescano risale al XV secolo. Nel 1422, la Beata Vergine Maria apparve ad Assisi a un novizio francescano di nome Giacomo. Fin da bambino, Giacomo era solito offrire quotidianamente una corona di rose alla Vergine Maria. Tuttavia, quando entrò nei Frati Minori, dovette a malincuore abbandonare questa consuetudine per dedicare tutto il suo tempo alla comunità francescana.

Per dargli conforto, la Madonna si rivelò al novizio confidandogli che avrebbe potuto continuare ad omaggiarla in un modo diverso: invece di tessere una ghirlanda di fiori, avrebbe potuto recitare ogni giorno un Rosario di sette decine  che medita sulle “sette gioie” della Madre di Dio. Il giovane novizio introdusse questa pratica tra gli altri frati e da qui si diffuse in tutto l’ordine francescano.

Come pregare il Rosario Francescano

Il rosario francescano è stato chiamato con diversi nomi nel corso dei secoli. Al giorno d’oggi questa pratica è conosciuta soprattutto come la “Corona dei Sette Gaudi“, o “Rosario delle sette beatitudini della Vergine Maria“. Questo Rosario è composto da sette decine ed è una meditazione su sette eventi gioiosi della vita della Vergine Maria.

La maggior parte dei cattolici potrebbe avere familiarità con i Sette Dolori di Maria, ma tendono a non conoscere le Sette Gioie. I francescani hanno contribuito a preservare questa tradizione nel corso dei secoli.

Il rosario francescano inizia enunciando la prima gioia. Quindi si prega 1 Padre Nostro e 10 Ave Maria. Si ripete la stessa sequenza altre 6 volte, una per ogni gioia. Possiamo aggiungere il Gloria al Padre e la Preghiera di Fatima alla fine di ogni decina, ma non è strettamente necessario.

Le sette gioie sono molto simili ai Misteri Gaudiosi del Rosario, e sono le seguenti:

1. Annunciazione

2. Visitazione

3. Natività di Gesù

4. Adorazione dei Magi

5. Il ritrovamento di Gesù nel Tempio

6. Resurrezione di Gesù

7. Assunzione di Maria al Cielo

La devozione alle sette gioie di Maria ci aiuta a riconoscere che l’esistenza non è solo dolore; la nostra vita è piena di gioie che meritano di essere condivise e celebrate.

 

Lascia un commento