Maria Maddalena De Pazzi (Caterina di Geri de’ Pazzi, 1566-1607)

“Nacque a Firenze il 2 aprile 1566. Di nobile e antica famiglia, ricevette un’educazione profondamente cristiana. Entrò nel monastero delle Carmelitane di Santa Maria degli Angeli, in Firenze, all’età di 16 anni, nel 1582, anno della morte di santa Teresa di Gesù. Condusse una vita nascosta di preghiera e di mortificazione e fu arricchita da Dio di grazie e visioni straordinarie. Per ordine dei suoi confessori fece una relazione di queste grazie ed estasi. Sentiva profondamente il problema della Chiesa. Divenne per le sue sorelle guida di perfezione. Morì il 25 maggio 1607, fu beatificata da Urbano VIII nel 1626 e fu canonizzata da Clemente IX nel 1669”.
(Emanuele Boaga, O. Carm., Con Maria sulle vie di Dio, p. 115).

CORONCINA AL PREZIOSISSIMO SANGUE DI GESU’ 

Sui grani grossi della Corona del Rosario:
Eterno Padre, io vi offro per il Cuore Immacolato di Maria il Sangue di Gesù Cristo,

per la santificazione dei Sacerdoti e la conversione dei peccatori,
per i moribondi e le anime del Purgatorio!

 Sui grani piccoli della Corona del Rosario:
“Scenda, o Gesù, il tuo Sangue sopra di me per fortificarmi e sopra il demonio per abbatterlo”.

 Alla fine:

Pater, Ave, Gloria, Eterno riposo.

 

PREGHIERA DI S. MARIA MADDALENA DE PAZZI

Venga quello che discendendo in Maria
fece incarnare il Verbo,
e faccia in noi per gratia
quel che fece in lei per gratia e per natura!
Dhe, vieni tu, refrigerio, gioia e
nutrimento dell’anime nostre!
Dhe, vieni, e togli tutto quello che è in me di mio,
e infondi in me solo quello che è tuo.
Non solo ti prego che venga in me,
ma ancora in tutte quelle che hai scelto Tu.
Dhe vieni, Tu che sei nutrimento d’ogni casto pensiero,
circolo d’ogni clementia e cumulo d’ogni purità!
Dhe vieni, e consuma in me tutto quello
che è cagione che io non possa esser consumata da Te

 

Per approfondire:

San Gaspare del Bufalo (1786-1837) – Il Sangue di Cristo

https://www.ancilla.it/prodotti/corona-del-rosario-preziosissimo-sangue.php

 

Lascia un commento